HydroCone

Le HydroCone sono lenti a contatto morbide con un design unico. La stabilizzazione dinamica brevettata mantiene lo stessa apporto di ossigeno al limbus confrontando una lente a contatto prismatica standard. Queste lenti a contatto morbide per cheratocono sono disponibili come lenti monofocali, ma anche in versione multifocale. La lente HydroCone è disponibile per cheratocono a stadi iniziali e avanzati. Il design fornisce ai pazienti il comfort di una lente a contatto morbida standard e l’acuità visiva simile alle lenti rigide.

Descrizione

Geometria

Progettazione HydroCone
  • La zona ottica posteriore sferica con forte appiattimento asferico
  • Zona ottica torica frontale
  • Stabilizzazione dinamica con urti nasali e temporali (Ext Dyn)
  • Spessore centrale ottimizzato
  • Tacche a 0 e 180 gradi

Variabili

HydroCone 12: cheatoconus di gradi da 1 a 2

HydroCone 34: cheatoconus di gradi da 3 a 4

HydroCone P: Varianti multifocali di HydroCone 12 e 34 con zona ottica anteriore in Bifocal (Bf) / Simple progressive (Sp) / Multi progressive (Mp)

Materiali

Dati tecnici

Parameterfromtosteps
Total diameter12.00 mm15.00 mm0.01 mm
Base curve7.00 mm12.00 mm0.01 mm
Sphere-40.00 dpt+40.00 dpt0.01 dpt
Cylinder-0.25 dpt-8.00 dpt0.01 dpt
Axe180°
Addition+0.50 dpt+4.00 dpt0.01 dpt
Central optical zone Zoc1.00 mm5.50 mm0.01 mm
Flattening(+) K12(++) K34

Informazioni aggiuntive

Applicazione

,

Indicazione

Tipo di Correzione

, ,

Lens Type

Progettato da

SwissLens

Consigli applicativi per ToriFlex

Suggeriamo di lavorare con lenti di prova con cilindro −0.01 dpt.

Classificazione del cheratocono

Iniziare applicando le indicazioni topografiche o le seguenti regole:

  • Vcc > 0.6 e/o cheratometria > 6.80 mm: stadio 1 o 2 (HydroCone K12)
  • Vcc < 0.6 e/o cheratometria < 6.80 mm: stadio 3 o 4 (HydroCone K34)
Diametro e curva base: 1° lente di prova
  • HydroCone K12: BC = 8.00 / ØT = 14.00 mm
  • HydroCone K34: BC = 7.80 / ØT = 13.70 mm
Consiglio
  • La prima lente serve per confermare BC / ØT.
  • Le tacche della stabilizzazione dinamica servono per valutare l’asse di stabilizzazione
  • Il potere (F’v) è sferico perché la lacrima corregge parzialmente l’astigmatismo ma ciò non può essere conosciuto a priori. Il cilindro finale corrisponde all’astigmatismo residuo.
  • F’v della 1° lente: potere degli occhiali BVD 0) con cilindro −0.01 dpt×180°
  • Per cambi e controlli dopo alcuni mesi usare sempre la lente iniziale e fare la sovrarefrazione.
  • Usare la palpebra inferiore e superiore per rimuovere la lente a contatto.
  • In caso di aloni, aumentare il diametro della zona ottica
  • Misura dell’astigmatismo residuo con l’autorefrattometro più refrattometria soggettiva.
  • A causa della geometria, la lente a contatto potrebbe decentrarsi leggermente.
  • Aumentare lo spessore al centro può migliorare l’acuità visiva.
  • HydroCone P fitting: iniziare sempre con una HydroCone monofocale , aggiungere l’addizione in un secondo momento

Scelta della prima lente a contatto

Sistema di progressione e zona ottica centrale (zoc)

Scelta della zona di lettura
  1. Centro vicino nella maggior parte dei casi
  2. Visione per vicino in periferia se la visione per distanza è scarsa, per alta miopia o pupilla decentrata.

Procedura

  • Determinare l’occhio dominante
  • Trovare la correzione massima positiva (+) o minima negativa (-) per la visione per distante
  • Trovare la migliore acuità nella visione per distanza per ottimizzare la scelta del diametro della zona ottica
  • Determinare le esigenze dei pazienti per scegliere il design multifocale: distante / intermedio / vicino

Scelta del design multifocale

RequirementsBifocal BfSimple progressive SpMulti progressive Mp
Hyperopia
Myopia Addition < 1.75 dpt
Myopia: Addition ≥ 1.75 dpt
Priority in distance vision
Priority in near vision
Priority in intermediate vision (computer)
Use in low light in distance vision
Use in low light in near vision
Good contrast
Low Helos
Anisometropia > 2.00 dpt
Amblyopia ( √ )
Modified monovision care ( √ )

Zona ottica centrale, posizione e diametro:

raccomandazioni per la prima scelta: pupilla standard (3,50–4,00 mm) con illuminazione normale

Bifocal BfBifocal BfSimple progressive SpSimple progressive SpMulti progressive Mp
PositionCentre near (CN)Centre Distance (CD)Centre near (CN)Centre Distance (CD)Centre near (CN)
Dominant eye2.253.752.504.001.50
Non-dominant eye2.753.253.003.501.75
Undefined2.503.502.753.751.50

Per le dimensioni non standard della pupilla o per la preferenza distante/vicino, variare la zoc con step di 0,25 mm

preloader